30
Mag 2016
Numero N. 370
Trasformazione digitale: ecco, la minaccia e' ora un'opportunita'!

(Quinta e ultima puntata)
Tre mesi dopo, Vigevano, uffici di BTN.
Nicola Fabbroli, detto Testaquadra, si reco' all'appuntamento con Bernardo Cerutti. Dovevano insieme valutare l'avanzamento dell'intervento e capire se la minaccia tecnologica a BTN stava trovando risposte credibili.

Bernardo inquadro' la riunione ponendo due domande cruciali: "Il nuovo modello puo' effettivamente permettere il riposizionamento lungo la filiera attraverso nuovi standard competitivi? E come procede sulle tre direttrici individuate?". Nicola...

Immagine

(Quinta e ultima puntata)
Tre mesi dopo, Vigevano, uffici di BTN.
Nicola Fabbroli, detto Testaquadra, si reco' all'appuntamento con Bernardo Cerutti. Dovevano insieme valutare l'avanzamento dell'intervento e capire se la minaccia tecnologica a BTN stava trovando risposte credibili.

Bernardo inquadro' la riunione ponendo due domande cruciali: "Il nuovo modello puo' effettivamente permettere il riposizionamento lungo la filiera attraverso nuovi standard competitivi? E come procede sulle tre direttrici individuate?". Nicola...

BTN è una multinazionale tascabile italiana di componenti per macchine da lavoro: trattori e macchine operatrici per strade, cave, miniere, dighe, tunnel, ecc.. Si tratta di una filiera per molti aspetti simile a quella dell'automotive anche se, ovviamente, con minori quantità prodotte. Il capitale è a controllo famigliare. Bernardo Cerutti è da circa vent'anni l'amministratore delegato.

...rispose con l'aiuto di dati e grafici: "La prima direttrice riguarda incorporare nei componenti i sensori e chip necessari a renderli competitivi, grazie ai vantaggi offerti dai dati raccolti in tempo reale. La nuova gamma è già in sviluppo, con l'obiettivo di presentarla alla forza vendita di 1 luglio 2017".
Bernardo lo interruppe: "Questa è la direttrice più urgente e critica per i nostri clienti. L'inizio del secondo semestre del prossimo anno è una data accettabile. L'essenziale è che venga rispettata. Dobbiamo fare tutto quanto è necessario per assicurarlo..."
Nicola aprendo un altro file: "Questo è il programma dettagliato e puoi vedere che ci sono anche dei polmoni di riserva. E' chiaro a tutti che questo è il fronte principale dell'operazione..."

Nicola proseguì: "Per passare oltre, abbiamo visitato più volte il fornitore di Sophia Antipolis per la seconda direttrice, quella che prevede di potenziare le funzioni d'uso della macchina da lavoro attraverso nuove interazioni uomo-macchina che permettono all'operatore di essere più efficace. Abbiamo valutato la gamma di soluzioni visionate nei loro laboratori, in stadio già avanzato di realizzazione. Convincono il gruppo di tecnici che si tratta di un significativo avanzamento nella direzione giusta. Disponibili nel corso del 2018, si potrebbero già presentare ai clienti a partire dall'autunno 2017...".
Bernardo commentò: "L'efficacia dell'operatore a bordo ne condiziona la produttività e sta diventando una frontiera sempre più calda. Le soluzioni che ho io stesso esaminato mi sembrano proprio un buon passo avanti. Bravi i francesi!".

Quindi Nicola riprese il ragionamento: "Infine i sistemi che permettono alla macchina di lavorare in autonomia, senza l'operatore a bordo. E' la terza direttrice e le ricerche indicano che avrà ottimi sbocchi di mercato. La stessa azienda francese ci ha fatto vedere le applicazioni in campo militare, ad esempio i piccoli carri armati che si muovono in modo autonomo in zone altamente pericolose e reagiscono agli attacchi del nemico. Il trasferimento nel nostro settore e la sperimentazione necessaria richiederà più di quanto ci piacerebbe: si pensa a una presentazione ai clienti nell'estate 2018, a meno che non potenziamo il gruppo di lavoro e le risorse a disposizione. In questo caso si può di anticipare di 6-8 mesi..."
Bernardo prese il dossier con l'intenzione di confrontarsi con il responsabile del Nord America.

 

 

 

 

Poi domandò: "Nicola, come credi che si potrà effettivamente sviluppare la collaborazione con i francesi?".
Nicola, consultando altri documenti, rispose: "L'azienda è interessata a una partnership strategica con BTN impegnandosi per 5 anni a sviluppare in esclusiva le soluzioni per il nostro settore. Il Pdg ha anche espresso la disponibilità a trasformare la partnership in una società a partecipazione congiunta, in funzione dei volumi che si raggiungeranno nei 5 anni e credo che le proiezioni che abbiamo fatto siano prudenti. Abbiamo già chiesto a un piccolo gruppo di lavoro misto di stendere le ipotesi di accordi complessivi".
"Bene. Come sai ho preso anch'io parte a quella trattativa...Abbiamo qualche riscontro dalle interviste ai clienti?" chiese Bernardo,
Nicola aprendo un altro file: "Abbiamo già condotto alcune visite ai principali per condividere il programma in corso. L'obiettivo era di aggiornarli sul calendario delle nuove proposte che, in più di un caso, sarebbero state molto interessanti, anche rispetto a quelle dei concorrenti. Nei primi riscontri i clienti sembrano disposti ad attendere le proposte di BTN prima di assumere decisioni sui loro nuovi prodotti".
"E riguardo alla disponibilità a sviluppare alcune soluzioni in co-design?" disse Bernardo incalzandolo.
"Ci sono aperture molto concrete che dobbiamo finalizzare. Entro fine mese vogliamo decidere cosa per noi è meglio sviluppare e con chi. E poi concludere gli accordi. Sono ottimista al riguardo. Una chiara dimostrazione di fiducia verso l'azienda di cui devi tener conto" rispose Nicola. E continuò: "Tu sei stato parecchio in viaggio in questo periodo. Forse non sai che la fabbrica di Vigevano comincerà già il mese prossimo le sperimentazioni per diventare semi automatica entro il 2017.... Il fornitore più interessante di ICT è già stato scelto. Così avremo le soluzioni da estendere alle altre 5 fabbriche entro il 2018".

Bernardo ringraziò Testaquadra per il grande lavoro già fatto e per la chiarezza che aveva ora nella sua testa.
Sentiva che il rilancio di BTN era ormai avviato con successo.

(fine)


Legga le puntate precedenti

Parola Chiave: trasformazione
Cosa ne pensa la community: Piace a un socio
03/06/2016 16:22:00

Da Marco Baccaro :

Come ha detto Mao Tze Tung quando dirigeva la Cina, - C'è Caos nella Terra, il Momento è Propizio -
La sfida oggi è che viviamo un grande paradigma della Storia, le grandi guerre sono state bandite, la popolazione del Mondo cresce e, le sfide si fanno ogni volta più tenaci, per spiriti forti.
L'epoca del lavoro fisso e continuo per il resto della vita è finita ! Ma purtroppo pochi se ne sono accorti. Oggi vale la genialità, l'adattamento continuo alle variabili temporali, niente più può essere dato per scontato, viviamo l'epoca della continua sfida.
Globalizzazione vuol dire questo, confrontarsi con 7,5 miliardi di persone e non più solo la Comunità Europea e, se non ti adegui, sei morto, come in Natura.
La storia sopra mostra l'importanza dell'adeguamento, se la ditta che citate, non si adegua ai nuovi canoni produttivi (per ex. macchine senza conducente) è finita e sepolta, la dura e cruda realtà.
Credo fermamente che ogni giorno l'Uomo intelligente si reinventa.